Intervista a Carolina Masieri, una Zen Manager

Intervista a Carolina Masieri, una Zen Manager

Benvenute o Bentornate su Zen Mum, il Tempio della Donna! Oggi, per la Rubrica Da Donna a Donna, intervistiamo la Zen Manager Carolina Masieri!

Chi è Carolina Masieri?

Ciao! Sono Carolina e mi definisco una zen manager: un’organizzatrice seriale d’ispirazione orientale. Nel mio lavoro di professional organizer mi sono specializzata nell’aiutare le donne a sentirsi libere di vivere il proprio tempo imparando l’arte dell’organizzazione, partendo dalla consapevolezza per trovare il proprio equilibrio rispettando la propria essenza.

Descriviti con 3 aggettivi e spiega perché.

Libera, coraggiosa, coerente.

Sono uno spirito libero perché mi do il permesso di essere me stessa, senza condizionamenti, senza zavorre, senza giudicare nessuno, scegliendo di vivere il mio cammino con gratitudine e rispetto, ma secondo le mie regole. L’organizzazione è lo strumento che mi permette di farlo e la libertà ne è carburante e traguardo al tempo stesso. Ecco perché il mio motto è “L’organizzazione rende liberi”.

Il cambiamento mi entusiasma, è la manifestazione di come sogni e progetti si fanno concreti nella quotidianità, ma per ottenere ciò che desideri devi essere disposta a cambiare e ci vuole un certo coraggio per non smettere mai di analizzare ogni dettaglio per capire cosa non funziona e, alla fine, lasciar andare qualcosa che non può più essere affinché si trasformi in qualcosa che non è ancora.

Che sono coerente mi è stato detto da chi mi conosce bene e ha avuto modo di vedere come, nonostante sia sempre pronta a cambiare (anche idea) resto fedele a me stessa, allineando ogni mio pensiero, parola e azione ai miei valori e ciò in cui credo.

Come si diventa Zen Manager?

diventare Zen Manager

Il mio lavoro affonda le radici nella mia infanzia, quando mi divertivo a organizzare feste per la famiglia o mi impegnavo per trovare il modo di fare i compiti senza rinunciare alle mie numerose passioni come la lettura, lo sport, la musica, il cinema, gli scout, la danza, le arti marziali, la meditazione….

Per sentirmi libera e indipendente ho iniziato presto ad affiancare il lavoro agli studi, facendo le esperienze più diverse dall’animatrice all’assicuratrice, dalla barista all’impiegata, diventando sempre più esigente nell’affinare una certa maestria nell’organizzazione con sperimentazione e letture.

Nel 2008, appena sposata, mentre lavoravo ancora come dipendente e con una laurea in archeologia e storia dell’arte nel cassetto, ho iniziato a interessarmi alla figura dell’“event planner” e, con la prima maternità, nel 2010, ho iniziato a frequentare diversi corsi e lavorare con altre professioniste. Nel 2015, quando la seconda figlia aveva due anni, ho aperto la mia attività come organizzatrice di eventi felice di mettere al servizio degli altri l’arte dell’organizzazione che per anni avevo sperimentato solo su me stessa ed è da qui che la mia professione si è poi evoluta gradualmente nel progetto “My Zen Manager”.

Sentendo forte la responsabilità che ho nei confronti delle mie clienti continuo ad alzare i miei standard studiando e confrontandomi con altri professionisti ed è su questa linea che ho deciso di iscrivermi ad APOI, l’associazione di professional organizer italiana, sottoscrivendone il codice etico.

Dalle elementari ad oggi, la pratica della meditazione, l’interesse per le antiche saggezze orientali e una profonda spiritualità fanno da sfondo per dare un senso al tempo, ricercare il mio equilibrio, fare scelte consapevoli, coltivare la calma e la gratitudine e sono diventate un ingrediente fondamentale e imprescindibile della mia attività.

Cos’è My Zen Garden e com’è nata l’idea?

My Zen Garden

“My Zen Manager” è, come direbbero i giapponesi, il mio Ikigai: la perfetta intersezione tra ciò che mi piace fare, che so fare bene, che mi permette di dare il mio contributo al mondo, ciò per cui le persone sono disposte a pagarmi perché io lo faccia.

L’idea nasce grazie alla fortunata e insistente spinta da parte delle mie più care amiche che hanno visto tutto il potenziale di questo progetto prima ancora che nascesse facendo emergere semplicemente ciò che mi veniva naturale fare: aiutarle a trovare il tempo.

Quando lavoravo come organizzatrice di eventi mi sono resa conto che le clienti avevano tutte la stessa difficoltà: “non avevano tempo”. Non solo per gestire l’organizzazione dell’evento, ma in generale, nella vita. Per esperienza diretta sapevo benissimo che quella di non avere tempo è solo una scusa, basta organizzarsi.

A quel punto ho immaginato, sviluppato, testato e messo a punto (ci sono voluti due anni dall’idea alla partenza) il mio metodo al servizio degli altri.

Nel 2017 nasce My Zen Manager il programma personalizzato di percorso individuale interamente on-line, che fonde tecniche di gestione del tempo con ispirazioni dagli insegnamenti dell’antica saggezza orientale.

My Zen Garden invece, il gruppo Facebook, è arrivato dopo, anche se il mio uso dei social è praticamente inesistente. Ispirandomi ai giardini zen giapponesi, ho immaginato uno spazio virtuale e gratuito in cui incontrarsi tutti, anche chi non ha ancora iniziato il proprio percorso personalizzato di affiancamento e volesse conoscere meglio il mio punto di vista sull’organizzazione.

Un consiglio alle lettrici di Zen Mum da una Zen Manager

Il mio consiglio è di non farsi ingannare dal tempo, perché la sua “gestione” non esiste, lui scorre al di là del nostro controllo, non possiamo incasellarlo, inscatolarlo e, forse, nemmeno esiste.

Quando siamo piene di energia e abbiamo ben chiari i nostri obiettivi, riusciamo a concentrarci meglio su una cosa alla volta, facciamo le stesse cose in meno tempo, con meno errori e ci stanchiamo meno. Ecco perché è molto più efficace concentrarsi prima sui propri flussi di energia, cicli biologici, priorità personali e poi ottimizzare le risorse con gli strumenti più adatti.

Siamo davvero sicure che non possiamo concederci una pausa? Che dobbiamo scegliere tra lavoro e famiglia? O che il tempo non basti? Che non possiamo raggiungere i nostri più ambiziosi traguardi? Iniziamo piuttosto a mettere al primo posto noi stesse, prendendoci cura della nostra serenità e di ciò che per noi è più importante, dopo possiamo migliorare con strumenti e tecniche, ma dimentichiamo inesistenti perfezionismi e dannosi sensi di colpa. Come dice la mia coach e cara amica Giovanna VenturaDiventa consapevolmente egoista per essere autenticamente generosa”. 

30 libri da non perdere, parola di Zen Manager

In un post del blog ho iniziato a consigliare i (primi) 30 libri che non possono mancare nella mia libreria. La lista, divisa per argomenti, la trovate QUI.

So che in questi casi l’obiezione più comune è: “Il problema è trovare il tempo per leggere”!

Partite dalla consapevolezza per conoscervi meglio e sperimentate per costruire un sistema che rispetti il vostro naturale modo di essere e vi dia risultati solidi, che durano nel tempo.

Carolina

Ottimi spunti di riflessione con Carolina che vi regala il suo ebook di benvenuto alla Newsletter e che potete seguire nel gruppo Facebook “My Zen Garden”. Se invece volete solo curiosare per scoprire qualcosa in più la trovate sul sito My Zen Manager, sulla pagina Facebook e sul profilo di Instagram.

Ti ricordo anche che oggi scade l’offerta speciale per acquistare Equilibrium ad un prezzo lancio scontato del 20% solo fino a stasera!!! Che aspetti? Corri a prenotarti QUI!

Resta sempre aggiornata sulle novità di Zen Mum iscrivendoti alla Newsletter con il modulo qui sotto grazie al quale potrete ricevere il Test per le Intelligenze Percettive, oppure seguendo i canali Instagram e Facebook.

Ti invito inoltre sul gruppo Zen Mum Community dove avrai l’opportunità di accedere a contenuti esclusivi!

Non perderti il nuovo shop di Zen Mum, dove potrete acquistare i percorsi sulle intelligenze percettive, emotive e cognitive e sull’organizzazione da Silvia Life Manager.

Ci leggiamo domani con una ricetta da leccarsi i baffi!

Un abbraccio,

Zen Mum

Lascia un commento

×
×

Carrello